La regione Sardegna

Area: 24.090 km²
Capitale: Cagliari
Popolazione: 1,663 milioni (1 gen 2015)
Province: 8
Comuni: 377Localizzazione
Altitudine: 334 m s.l.m.
Lingue: Italiano, Sardo, Còrso-Sardo, Catalano, Ligure

La Sardegna (Sardìgna o Sardìnnia in sardo, Sardhigna in sassarese, Saldigna in gallurese, Saldenya in algherese, Sardegna in tabarchino) è la seconda isola più estesa del mar Mediterraneo. La posizione strategica della Sardegna al centro del Mediterraneo occidentale e la sua ricchezza mineraria ha favorito nell'antichità il suo popolamento e lo svilupparsi di traffici commerciali e scambi culturali tra i suoi abitanti e i popoli rivieraschi.

La Sardegna, insieme con le isole e gli arcipelaghi che la circondano, copre inoltre l'intero territorio amministrativo di una regione italiana a statuto speciale, la cui denominazione completa ed ufficiale è Regione Autonoma della  Sardegna/Regione Autònoma de Sardigna ed è in terza posizione per superficie, ma in undicesima per popolazione.
Lo Statuto Speciale, sancito nella Costituzione del 1948, garantisce l'autonomia amministrativa delle istituzioni locali a tutela delle peculiarità geografiche e linguistiche.

Ricca di montagne, boschi, pianure, territori in gran parte disabitati, corsi d'acqua, coste rocciose e lunghe spiagge sabbiose, per la varietà dei suoi ecosistemi l'isola è stata definita metaforicamente come un micro-continente. In epoca moderna molti viaggiatori e scrittori hanno esaltato la sua bellezza, rimasta incontaminata almeno fino all'età contemporanea, nonché immersa in un paesaggio che ospita le vestigia della civiltà nuragica.  
 

605x341_porto.jpg

Il territorio Sardo

Il paesaggio naturale della Sardegna alterna profili montuosi dalla morfologia complessa a macchie e foreste, stagni e lagune a torrenti tumultuosi che formano gole e cascate, lunghe spiagge sabbiose a scogliere frastagliate e falesie a strapiombo. Le formazioni calcaree costituiscono il 10% della sua superficie e sono frequenti i fenomeni carsici nei settori centro-orientale e sud-occidentale, con la formazione di grotte, voragini, doline, laghi sotterranei, sorgenti carsiche, come quelle di Su Gologone di Oliena e di Su Marmuri di Ulassai.
Notevoli sono le formazioni rocciose granitiche, caratterizzate da guglie frastagliate modellate dall'erosione degli agenti atmosferici, creando delle singolari sculture sparse su tutta l'isola, come l'Orso di Palau, l'Elefante di Castelsardo, il Fungo di Arzachena.
Sono sotto tutela come parchi naturali alcuni dei più importanti tratti della costa e ampi territori dell'interno. Questo patrimonio naturale si integra con quello storico e culturale, rappresentato dagli antichi siti d'interesse archeologico e dai resti dei più recenti complessi dell'attività mineraria. 

Isole e coste
Le coste si articolano nei golfi dell'Asinara a nord, di Orosei ad est, di Cagliari a sud e di Alghero e Oristano ad ovest. Per complessivi 1.897 km, sono alte, rocciose e con piccole insenature che a nord-est diventano profonde e s'incuneano nelle valli. Litorali bassi e sabbiosi, talvolta paludosi, si trovano nelle zone meridionali e occidentali: sono gli stagni costieri, zone umide importanti dal punto di vista ecologico. Molte isole ed isolette la circondano e tra queste la più grande è l'isola di Sant'Antioco (109 km²).

605x341_territorio.jpg

Il clima e la fauna

Il clima mediterraneo è tipico di gran parte della Sardegna. Lungo le zone costiere, dove risiede la gran parte della popolazione, grazie alla presenza del mare si hanno inverni miti con le temperature
che scendono raramente sotto lo zero. Le estati sono calde e secche, caratterizzate da una notevole ventilazione. Le brezze marine e la costante ventilazione permettono di sopportare le elevate temperature estive che superano normalmente i 30 °C e raggiungono anche i 35 °C. Anche nelle zone interne pianeggianti e collinari il clima è tipicamente mediterraneo. La Sardegna inoltre è una regione molto ventosa; i venti dominanti sono il Maestrale ed il Ponente.

Il patrimonio faunistico annovera diversi esempi di specie di grande interesse. Ci sono speci presenti anche nel continente, come cervi e mufloni.
Famoso è il Cinghiale sardo, ampiamente diffuso. I predatori più grandi sono la comune volpe sarda e il raro gatto selvatico sardo.
Tra i mammiferi, particolare curiosità desta l'asinello bianco, presente solo sull'isola dell'Asinara (se ne contano circa 90 esemplari), ma anche il caratteristico Cavallino della Giara.
I rapaci sono rappresentati da quasi tutte le specie europee, fra le quali ci sono due specie di avvoltoi, quasi estinti che sopravvivono solo nei territori di Bosa e Alghero, insieme ai grifoni.
L'elevato numero di stagni costieri e lagune (circa 12.000 ettari, pari al 10% del patrimonio italiano) porta alla presenta del fenicottero maggiore. Questo è anche il regno degli uccelli marini, come il rarissimo gabbiano corso.

605x341_asini.jpg
312x176_villaggio.jpg

Villaggio Porto Pino

Esplorate la stupenda location immersa nella natura! Le camere, la struttura e la spiaggia sono pronti ad accogliervi.

La Location
312x176_escursioni.jpg

Escursioni facoltative

Scoprite gli angoli più nascosti e immacolati dell'isola!Entrate nel vivo delle tradizioni e assaporate ogni momento sardo!

Escursioni facoltative
312x176_tradizioni.jpg

La tradizione sarda

Unica in tutto il mondo e influenzata dai vari conquistatori...la tradizione sarda vi sorprenderà!

Le tradizioni sarde
312x176_sardegna.jpg

Informazioni utili

Dettagli per il volo aereo, il soggiorno e informazioni sulla terra che andrete a visitare...unica!

Info e dettagli