Efficientamento energetico della struttura ricettiva Hotel MH a Matera

Dati del progetto

Località: Matera
Destinazione d'uso: Terziario
Committente: MH Hotel
Tipologia: Riqualificazione

Il progetto

Il progetto riguarda l’efficientamento energetico di un grande albergo della catena MH Hotel, nella città di Matera.

Gli interventi di riqualificazione riguardano sia la parte architettonica sia la parte impiantistica. La struttura, risalente al 2006, comprende 130 stanze, sale ricevimenti, una SPA, una piscina coperta e una scoperta.

Il riscaldamento attuale è ottenuto con tre caldaie a gas con potenza di 710 kW e il raffrescamento con due chiller con potenza da 700 kWf. Dati energetici di partenza: 4,5 GWh di energia primaria (383 TEP).
Riduzioni stimate: 121 TEP pari al 32% (69 TEP solo cogeneratore pari al 18%).
Progettazione integrata: utilizzo di spazi esistenti e FV solo su tetto.

L'intervento è stato realizzato a seguito di una diagnosi energetica redatta per la partecipazione al bando "Efficienza Energetica delle Imprese" della Basilicata (POR_FESR 2014-2020) condotta secondo il D. lgs 102/2014 e la UNI EN 16247. La diagnosi energetica ha evidenziato alcuni interventi vantaggiosi sia dal punto di vista energetico e ambientale (emissioni di CO2) sia secondo l'aspetto finanziario. Nei calcoli dei benefici economici è stato considerato il contributo dell'incentivo legato al bando Regionale, pari al 40% dell'investimento.

In particolare il cogeneratore è risultato avere un tempo di ritorno di circa 3 anni.

viessmann_concorso_di_idee_2019_mh_hotel_matera_studio.jpg

Sfoglia la gallery fotografica


L'impianto nel dettaglio

Per la riqualificazione del progetto verranno utilizzate pellicole solari con fattore solare 0,18 applicate su tutti gli infissi; nella fattibilità è stata calcolata pertanto anche la riduzione degli
apporti solari invernali. I preparatori istantanei di acqua calda sanitaria permettono di evitare gli shock termici che vengono eseguiti tre volte alla settimana (costo energetico 8500 €/anno), inoltre riducono la richiesta termica al generatore in quanto prelevano l’acqua calda dai serbatoi solo quando serve e nei quantitativi desiderati.

Il cogeneratore Vitobloc 140/207 da 140 kWel è stato installato in un vano tecnico adiacente alla centrale termica e ai quadri elettrici principali dell’edificio, per minimizzare le perdite di carico e i costi di connessione.

La connessione della tubazione di produzione di acqua calda avviene sul ritorno generale dell’impianto attuale (previo stoccaggio in due serbatoi da 5000 litri), in modo da massimizzare lo sfruttamento dell’acqua cogenerata ed evitare i pendolamenti. È stato installato un dry cooler per allungare il tempo di funzionamento in modulazione (inverno di notte) prima dello spegnimento del cogeneratore.

Al sistema è collegato un impianto fotovoltaico con moduli monocristallini da 300 W con ottimizzatori di potenza e inverter.

MH Hotel: impianto nel dettaglio

Efficientamento Energetico MH Hotel: tavola di progetto

Efficientamento Energetico MH Hotel: tavola progetto

Concorso di Idee
L'iniziativa di Viessmann che promuove ogni anno la progettazione innovativa ed efficiente

Viessmann Italia, forte sostenitrice della progettazione efficiente, sponsorizza ogni anno un Concorso di Idee che stimola i progettisti termotecnici a proporre soluzioni che si distinguono per la qualità progettuale globale, per i requisiti di efficienza energetica e sostenibilità economica ed ambientale sfruttando al meglio le innovazioni tecnologiche disponibili.

Concorso di Idee 2020
Into a new decade: flessibilità e indipendenza energetica

L‘edizione del Concorso di Idee Viessmann 2020 è, oltre che la prima edizione del nuovo decennio, anche l‘undicesima edizione di un‘iniziativa nata nel 2010.

Un'iniziativa che anno dopo anno, edizione dopo edizione, ha evidenziato come il settore sia in rapidissima evoluzione, diventando sempre più multidisciplinare, multitecnologico e multisettore. Basti pensare a come stiamo iniziando a rivedere le politiche di approvvigionamento e autoproduzione di energia in funzione dei sistemi di mobilità che stanno prendendo piede.