Conto Termico, quali sono i vantaggi

Il Conto Termico permette di ottenere un rimborso in seguito a interventi di riqualificazioni energetiche.

Grazie al Conto Termico è possibile:

  • ottenere il rimborso rateizzato nell’arco massimo di cinque anni;
  • ottenere il rimborso in un’unica rata, se l'ammontare complessivo dell'incentivo non supera i € 5.000;
  • ottenere l’accredito del contributo direttamente sul proprio conto corrente

conto_termico_test.png

Conto Termico Online, il nuovo strumento Viessmann per calcolare in modo rapido e preciso l'ammontare dell'incentivo!

CALCOLA QUI IL TUO INCENTIVO


Conto Termico: cos'è e come funziona

Di cosa si tratta

E' un incentivo per gli interventi di efficienza energetica e produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni introdotto nel 2012 e destinato a soggetti privati (anche tramite una ESCO) e Pubblica Amministrazione.
Grazie al Conto Termico è possibile riqualificare i propri edifici per migliorarne le prestazioni energetiche, riducendo così i costi dei consumi e recuperando parte della spesa sostenuta.

Come funziona

Contributo versato direttamente tramite bonifico in conto corrente da parte del GSE, l'ente Gestore Servizi Energetici, che attinge ad un fondo pari a 900 milioni annui (di cui 200 milioni per la PA). Il rimborso viene corrisposto in rate annuali per 2 oppure 5 anni, a seconda della tipologia d'intervento.

 

Quali sono gli interventi incentivabili?

1. Interventi di efficientamento energetico nella PA

  • Efficientamento dell'involucro
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a più alta efficienza

2. Interventi di incremento dell'efficienza energetica di impianti termici di piccole dimensioni

  • Sostituzione di impianti esistenti con generatori alimentati a fonti rinnovabili
    - caldaie a biomassa, stufe e termocamini a biomassa
    - pompe di calore e scaldacqua a pompa di calore
    - sistemi ibridi a pompa di calore
  • Installazione di pannelli solari termici, anche abbinati a tecnologia “solar cooling” per la produzione di freddo.

Nuovo Conto Termico 2016 

Il Conto Termico 2.0, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo già esistente, introdotto nel 2012.

Le principali novità sono:

  • il limite per l'erogazione dell'incentivo in una rata unica è innalzato da € 600 a € 5000 (per la PA l'importo può essere anche superiore). Se l'ammontare complessivo dell'incentivo non supera i € 5000, l'erogazione del rimborso avviene in un'unica data
  • i tempi di erogazione del contributo si riducono: entro 90 giorni dalla data di attivazione della scheda contratto con GSE
  • incentivi più alti
  • modulistica più semplice predisposta dal GSE

Importante: L'incentivo del Conto Termico non è cumulabile con le detrazioni del 65% e 50%.

 

Accesso agli incentivi

La richiesta degli incentivi può essere effettuata:

  • direttamente da PA e privati entro 60 giorni dalla fine dei lavori
  • su prenotazione, da parte delle PA e delle ESCO che operano per loro conto, per gli interventi ancora da realizzare.

Per le richieste dirette va utilizzato l'applicativo Portaltermico, predisposto da GSE.

Per maggiori informazioni consultare il sito di GSE.  

 

> Scarica la guida Viessmann "Nuovo Conto Termico 2.0" (PDF)