Progetto Gold: Riqualificazione stabilimento Tecnostampi

Dati del progetto

Località: Gornate Olona (VA)
Destinazione d'uso: Industriale
Committente: Tecnostampi srl
Tipologia: Riqualificazione di un edificio / impianto

Il progetto

L'intervento di riqualificazione riguarda lo stabilimento Tecnostampi di Gornate Olona, in provincia di Varese, un complesso industriale di circa 12.000 mq coperti nel quale sono inglobati gli uffici di progettazione, le officine di produzione e il reparto di stampaggio dove vengono realizzate le prove degli stampi. L’azienda italiana è leader nazionale nella realizzazione di stampi in acciaio per stampaggio mediante presse a iniezione di componenti in materiale plastico (paraurti, portaoggetti, cruscotti ecc.) per industria automobilistica. Tecnostampi opera da oltre 50 anni nel settore automotive, annoverando fra i suoi clienti le più prestigiose marche mondiali automobilistiche.

L'intervento di riqualificazione consiste nella sostituzione totale dei sistemi di generazione esistenti con un impianto di trigenerazione composto da un cogeneratore abbinato ad un assorbitore a bromuro di litio unitamente a nuove caldaie. Tale impianto sarà progettato per soddisfare i seguenti fabbisogni energetici: acqua calda a uso riscaldamento ambienti (uffici e laboratori di produzione); acqua refrigerata per condizionamento estivo (palazzina uffici); acqua calda e refrigerata per alimentazione UTA per climatizzazione a temperatura controllata estate-inverno nei reparti di lavorazione meccanica ad alta precisione; acqua refrigerata per raffreddamento sistemi oleodinamici e testate macchine utensili. Il cogeneratore previsto per funzionamento ad inseguimento termico produce contemporaneamente energia elettrica per i consumi di tutta l'attività industriale, di cui il 60% in autoconsumo e il 13% in scambio con la rete; solo il 27% viene acquistata.

Il commento della giuria

"Un terzo degli usi finali dell’energia in Italia viene utilizzata in applicazioni industriali. Nel caso specifico di Tecnostampi la produzione richiede sia acqua calda che refrigerata ed energia elettrica: trattasi di una applicazione perfetta per l’implementazione della tecnologia della trigenerazione. Oltre ai vantaggi intrinseci della generazione combinata e gli interessanti incentivi presenti in Italia, una politica di "pprovvigionamento energetico di questo tipo mette anche al riparo da eventuali futuri rialzi del prezzo dell’energia elettrica."

Sfoglia la gallery fotografica


L'impianto nel dettaglio

La progettazione dell’impianto termico dello stabilimento prevede l’inserimento di un cogeneratore monoblocco Vitobloc 200 tipo EM-140/207 alimentato a gas metano per la produzione contemporanea di energia elettrica e acqua calda tecnologica per riscaldamento. Il modulo può funzionare sia in modalità ad
inseguimento elettrico (facendo variare la potenza prodotta dal 50 al 100% di quella nominale in funzione dei consumi elettrici del sito), sia in modalità a inseguimento termico (in funzione dei consumi di acqua calda del sito). Il generatore termico modulare a gas a condensazione installato in esterno è invece costituito da 4 Vitodens 200-W da 150 kW ciascuna. Il cogeneratore, quando in funzione, aumenta la temperatura sul ritorno del circuito di riscaldamento. Per questo le caldaie rimangono spente o si avviano meno frequentemente.

L’impianto si completa poi di 3 accumuli inerziali Solarcell SPU 3000 allo scopo di immagazzinare temporaneamente l'energia termica e utilizzarla in un secondo momento. Questo calore potrà essere utilizzato per fornire riscaldamento e acqua calda sanitaria.

Riqualificazione stabilimento Tecnostampi: l'impianto nel dettaglio

Riqualificazione stabilimento Tecnostampi: schema di progetto

Tavola del progetto Riqualificazione stabilimento Tecnostampi

Concorso di Idee
L'iniziativa di Viessmann che promuove ogni anno la progettazione innovativa ed efficiente

Viessmann Italia, forte sostenitrice della progettazione efficiente, sponsorizza ogni anno un Concorso di Idee che stimola i progettisti termotecnici a proporre soluzioni che si distinguono per la qualità progettuale globale, per i requisiti di efficienza energetica e sostenibilità economica ed ambientale sfruttando al meglio le innovazioni tecnologiche disponibili.

Concorso di Idee 2021
Decreto rilancio e comunità energetiche: nuove opportunità aprono nuove strade

Guardando al breve termine il decreto rilancio, con particolare riferimento al 110% e alla possibilità di accedere alla cessione del credito e allo sconto in fattura, ha dato nuova linfa vitale ad un settore che già di per sé ha avuto una forte evoluzione negli ultimi anni.
Guardando invece al medio-lungo termine l’implementazione della normativa inerente le CER (comunità di energia rinnovabile) ha segnato un punto di partenza importante in quella che sarà l’evoluzione del settore impiantistico ed al modo di interpretare l’approvvigionamento energetico dei prossimi lustri.
Il settore è sempre più multidisciplinare, multitecnologico e multisettore.